Iscriviti per ricevere la newsletter ed essere informato su tutte le novità di Marlin Editore

NEWSLETTER

Presentazione venerdì 9 ottobre alla libreria Evaluna di Napoli: "Le solite notti" di Elvira Morena

Dove: Libreria Evaluna - Napoli
Quando: Venerdì 9 ottobre 2020
Orario: 18.30
Libro: Le solite notti
Ospiti: Armida Parisi, Sante Avagliano e Maria Martorelli
Vai alla scheda del libro

“Il mio nome è Flora, ma in pochi lo sanno. Anche il postino mi chiama Audrey”. Giovane e bella, senza risorse, Flora recide le sue radici e finisce come emigrante al Nord. Scenari imprevisti affollano il suo orizzonte noir, tra la realtà e il sogno di essere come Audrey Hepburn. “Le solite notti”, il nuovo romanzo di Elvira Morena già alla II edizione a due mesi dall'uscita, Marlin editore (https://www.marlineditore.it), si presenta a Napoli. L’appuntamento è alla Evaluna Libreria Cafè (in piazza Vincenzo Bellini n. 72) e, con l’autrice, interverranno la giornalista Armida Parisi, l’editore Sante Avagliano e l’attrice Maria Martorelli, che leggerà alcuni brani del romanzo. L'evento si svolgerà nel cortile della libreria con posti a sedere distanziati. È prevista una diretta Facebook dell’iniziativa sulla pagina https://www.facebook.com/evalunalibreriadelledonne, rilanciata anche dagli strumenti social di Marlin editore.

Dotata di uno stile e di un linguaggio personali, con una scrittura ricca di ritmo e vivacità espressiva, la scrittrice trasporta con spirito realistico il lettore in un sordido ambiente, ma sa anche donargli pagine che incantano, che fanno meditare e trovare la luce in fondo a un tunnel doloroso e ricco d’ostacoli. Elvira Morena alterna il realismo e la poesia, creando un personaggio autentico, ricco di contraddizioni, vitale e dolorosamente solo: il personaggio di Flora, al centro del romanzo “Le solite notti”, tra salvezza e perdizione.

«Le solite notti nasce dalla voglia di viaggiare nell'animo femminile; nasce dalla curiosità di testare mondi a me sconosciuti, di riuscire a descriverli, seguendo il mio stile narrativo. Flora, la protagonista del mio ultimo romanzo, è stata una mia sfida. Ma Flora è solo un pretesto. Attraverso la sua storia ho voluto soffermarmi sul potere: su chi "lo gestisce e mai lo subisce". Su quanto sia schiacciante e, nello stesso tempo effimero, questo potere. A dispetto di ciò che si è indotti a credere, il potere è solitudine», sottolinea la scrittrice.

Tra le pieghe della storia, affiora una certa delicatezza. Di rilievo il rapporto immaginifico che il personaggio principale intrattiene con una figura cinematografica, Audrey Hepburn, e la ricchezza delle sfumature. Morena spazia dalla realtà più cruda all’immaginazione più fervida. La sua scrittura naviga tra le favole dell’infanzia ed è ricca di simbolismi, di metafore che mettono in risalto come la realtà sociale e le condizioni di vita possano essere umilianti e schiaccianti, come accade alla giovane del romanzo.

«Una storia d’emigrazione con protagonista una donna che ha le sue radici nel Meridione d’Italia e che è in cerca di una prospettiva di vita. Rimasta orfana d’affetti, Flora si trasferisce al Nord. Lei ci prova a ricostruire la sua vita fuori. Ma, dopo una serie d’insuccessi personali, precipita nel fiume sordo della prostituzione. Si aprono per Flora nuovi scenari. Incontra donne diverse dalla sua tipologia umana. Rimane, in ogni caso, una donna del Sud d’Italia. “Valanghe di uomini mi sono caduti addosso”, afferma Flora. Qualcuno di potere, che il potere lo esercita e mai lo subisce. E il potere schiaccia chi non ce l’ha. Di conseguenza, Flora ne rimane schiacciata», spiega Elvira Morena. Ma non c’è solo la crudezza della vicenda, nel romanzo “Le solite notti”. L’autrice ha creato un personaggio sfaccettato che s’identifica nel mito di Audrey Hepburn: «Una donna bella, raffinata, socialmente rispettata. Una donna che non muore mai», aggiunge.

“Vorrei nascere Audrey”

«Il mio nome è Flora, ma in pochi lo sanno. Anche il postino mi chiama Audrey.
Nella camera mia, sopra al letto, ho sistemato lei. Audrey l’attrice.
Ogni volta che entro in casa, mi sorride con gli occhi neri e profondi: due laghetti scuri. Occhi liquidi che trasmettono bellezza e serenità.
In un’altra vita vorrei nascere Audrey, una piccola Audrey che diventa adulta e taglia la frangetta sulla fronte chiara, mostra le spalle morbide dalla scollatura dei tubini neri; che porta un fiocco al di sotto del seno minuto e cela la timidezza dei suoi lunghi sguardi dietro un paio di lenti scure.
Sì, voglio essere lei. Uguale a lei. L’ho incontrata sulle pagine delle riviste, nei film amarcord trasmessi in tv e tra noi è esplosa una misteriosa empatia, un sentimento speciale difficile da catalogare tra le umane questioni ordinarie.» (“Le solite notti”).


La storia

Flora è una ragazza meridionale che, perduti i genitori, emigra al Nord, in una città che ricorda vagamente Bologna. Con l’aiuto di Peppe, unico amico, lavora come commessa in un negozio periferico. Ma, non sapendo arginare rapine e piccole truffe, viene sbattuta fuori dalla titolare della rivendita e si ritrova ancor più disperata e sola. Allora affida la sua sopravvivenza nelle mani di Peppe, che a sua volta ha affidato la sua nelle mani di Rosario, il potente boss locale, dedito allo spaccio di droga e allo sfruttamento della prostituzione. Flora accetta ogni compromesso ed entra a far parte del gruppo di prostitute in servizio in una precisa area della periferia: Pineta Grande. La lunga catena di disperati si allunga quando Flora s’innamora di Marco, il giornalista delle ronde notturne, a caccia di mondi sommersi perché affamato di scoop. La delusione colpisce Flora e le offusca l’ultima casella destinata ai sogni. Forse solo allora apre davvero gli occhi e le si palesa davanti la precarietà di una vita consumata sulla strada, in incontri occasionali e con uomini anonimi. Nel frattempo, la donna rischia la galera, sopravvive a un lungo interrogatorio della polizia e scaccia con disprezzo Peppe che, invece, nutre da tempo una sotterranea passione per lei. Ma il boss Rosario decide di averla tutta per sé. Riuscirà a salvarsi?

«Un bel romanzo, dal ritmo avvincente e con un personaggio impossibile d’abbandonare» (Pasquale De Cristofaro, regista teatrale)

«Quello che sorprende è il lavoro sul linguaggio e l’autrice delinea con cura il personaggio contraddittorio della protagonista» (Marzia Apice, Ansa)

«Un romanzo coinvolgente, poetico e crudele allo stesso tempo con una scrittura che ha ritmo, immaginazione, carattere» (Lorenzo Marotta, "La Sicilia")

 

L'autrice

Elvira Morena vive e lavora a Salerno, dove svolge la professione di medico cardio-anestesista. È autrice di poesie inedite e racconti brevi pubblicati su blog e riviste culturali. Come narratrice, ha esordito nel 2015 col romanzo “Domani mi vesto uguale”.

 

 

#marlineditore sui social
Il marlin, da cui la casa editrice prende il nome, ├Ę il pescespada che Hemingway amava pescare
al largo di Cuba e che gli ha ispirato lo splendido romanzo “Il vecchio e il mare”

Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito.
Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies.

OK Vedi l'informativa