Iscriviti per ricevere la newsletter ed essere informato su tutte le novità di Marlin Editore

NEWSLETTER

Filo spinato


Collane > Filo spinato
Vai alle collane

Titolo Le bandierine della libertà

Autore Silvio Sartori

Collana Filo spinato

Dettagli 192 pp, Ft. 12,2 x 20

ISBN 9788860431523

Rassegna stampa

Le bandierine della libertà Diario e lettere dai Lager 1943-45

A cura di Lucio Sartori

Introduzione di Marco Palmieri

€ 15,00
Acquista su

La guerra sul fronte greco-albanese, l'internamento in Germania, la liberazione e il ritorno a casa nel diario, nelle lettere e nell'archivio finora inesplorato di un reduce.

Descrizione

La guerra sul fronte greco-albanese, la prigionia in Germania come Internato militare italiano e il difficile ritorno a casa alla fine del conflitto nell’Italia da ricostruire costituiscono la lunga e travagliata esperienza del giovane Silvio Sartori, appassionato atleta e calciatore di buon livello, ultimo di undici figli, assegnato a un reggimento di fanteria della divisione “Brennero”, che riesce a tenere un diario, a intrat- tenere una fitta corrispondenza con la famiglia e a raccogliere decine di appunti e altri documenti. Un archivio di migliaia di pagine, più unico che raro e di grande valore storiografico, che l’autore conserva me­ti­co­losamente nel dopoguerra ma che non era mai stato esplorato fino ad ora. Questo libro ne ricostruisce i percorsi. Dopo il fallimentare tentativo di invadere la Grecia e l’occupazione propiziata dall’inter- vento tedesco, all’annuncio dell’armistizio dell’8 settembre 1943 Sartori, come centinaia di migliaia di altri militari italiani, viene catturato e deportato in Germania. Segue la stagione dell’internamento, segnata dalla fame, dal freddo, dalla violenza, dal lavoro coatto e dalla paura dei bombardamenti, fino alle fasi finali della guerra e alla sconfitta tedesca, col lento ritorno alla vita dei tanti prigionieri e deportati, fatto anche di partite di calcio che accomunano italiani, francesi, polacchi e russi, e la costruzione di un “Villaggio italico” con i nomi di vie e piazze. Così Silvio e gli IMI attendono il rimpatrio, sullo sfondo di un’Europa ridotta in macerie.

Silvio Sartori

Silvio Sartori nasce a Malo, in provincia di Vicenza, il 19 febbraio 1913, ultimo di undici figli. Dopo le scuole elementari frequenta i corsi di post-avviamento e nel 1928 consegue il diploma di “Arti e Mestieri”. Assunto in Municipio come protocollatore, si dedica con passione all’atletica (negli anni ’30 partecipa a vari campionati nazionali) e al calcio, militando nella squadra locale. Richiamato alle armi, nel novembre del 1940 entra a far parte del 232° Reggimento di fanteria “Avellino”, Divisione “Brennero”, e viene inviato sul fronte greco-albanese. Dopo l’occupazione della Grecia partecipa ai giochi sportivi militari ad Atene. L’armistizio lo sorprende nuovamente in Albania, dove viene fatto prigioniero e condotto in Germania per essere avviato al lavoro coatto come Internato militare italiano. Finita la guerra e tornato in patria, riprende il lavoro al Comune e si impegna in varie associazioni locali, mantenendo anche contatti con i compagni di prigionia. Muore a Schio il 12 settembre del 1994.

 

Immagine: Silvio Sartori

Commenta libro

I tuoi dati
Scrivi un messaggio per il destinatario
* Indica il codice di verifica
Autorizzazione alla privacy
* I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori
Letta l'informativa sulla Privacy ai sensi dell’articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs 196/03),

al trattamento dei dati personali.

Il marlin, da cui la casa editrice prende il nome, รจ il pescespada che Hemingway amava pescare
al largo di Cuba e che gli ha ispirato lo splendido romanzo “Il vecchio e il mare”

Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito.
Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies.

OK Vedi l'informativa