Iscriviti per ricevere la newsletter ed essere informato su tutte le novità di Marlin Editore

NEWSLETTER

I lapilli


Collane > I lapilli
Vai alle collane

Titolo Ballata lusitana

Autore Camilo Castelo Branco

Collana I lapilli

Dettagli 224 pp, Ft. 12,2 x 18

ISBN 9788860430441

Ballata lusitana

Traduzione di Regina Célia Pereira de Silva

Revisione italiana a cura di Rosaria de Marco

Presentazione di Maria Luisa Cusati

€ 12,50

Nel Portogallo di fine '800, un uomo diviso tra l'amore di una donna-diavolo, Teodora, e quello di una donna-angelo, Mafalda, dovrà trovare la strada giusta per salvarsi e non soccombere.

Descrizione

Scritto due anni dopo Amore di perdizione, nelle intenzioni dell'autore questo romanzo (titolo originale: Amor de salvacào) doveva fargli da contrappunto. Lì un uomo che si perde per amore, qui un altro uomo che per amore si salva. Ma se è vero che il protagonista di questo secondo romanzo, Afonso de Teive, diviso tra l'amore di una donna-diavolo, Teodora, e quello di una donna-angelo, Mafalda, trova alfine la salvezza accanto a quest'ultima, è anche vero che a dominare ampiamente la scena è la "femme fatale", che lo conduce quasi alla rovina e lo tradisce col suo migliore amico. Ispirato a vicende in parte autobiografiche e ambientato nella seconda metà dell'Ottocento, Ballata lusitana offre un vivido spaccato della vita sociale nelle piccole città del Portogallo settentrionale. Con tagliente ma garbata ironia Castelo Branco fa narrare dal protagonista, che dice suo amico e immagina di incontrare in una notte di Natale, la storia turbolenta della sua vita, segnata dal dramma amoroso. Con questo romanzo il "Balzac portoghese" - come lo definì la critica - fornisce una superba prova della sua capacità di raccontare la passione mediante un linguaggio agile e brillante che influenzerà non pochi scrittori del suo tempo.

Camilo Castelo Branco

Camilo Castelo Branco (1825–1890) è uno degli scrittori più prolifici del secondo Romanticismo portoghese. Poeta, narratore, critico, traduttore, drammaturgo, storico, cultore di numerosi generi letterari, la sua opera è la più ampia e diversificata di tutto il XIX secolo. Nato a Lisbona da un’unione illegittima e rimasto presto orfano, abbandona gli studi per darsi alla letteratura, all’impegno politico e ai numerosi e avventurosi amori. E un amore intenso e infelice lo conduce in carcere per un anno sotto l’accusa di adulterio. Liberato, vive stentatamente della sua multiforme attività di scrittore, sino alla morte per suicidio a São Miguel de Seide, Famalicão. La sua bibliografia conta oltre un centinaio di libri, alcuni dei quali tradotti in diversi paesi stranieri. Delle sue numerose opere narrative finora sono apparse in Italia Amore di perdizione (Sellerio) e Quello che fanno le donne (Voland).

Immagine: Camilo Castelo Branco

Commenta libro

I tuoi dati
Scrivi un messaggio per il destinatario
* Indica il codice di verifica
Autorizzazione alla privacy
* I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori
Letta l'informativa sulla Privacy ai sensi dell’articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs 196/03),

al trattamento dei dati personali.

Il marlin, da cui la casa editrice prende il nome, è il pescespada che Hemingway amava pescare
al largo di Cuba e che gli ha ispirato lo splendido romanzo “Il vecchio e il mare”

Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito.
Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies.

OK Vedi l'informativa