Iscriviti per ricevere la newsletter ed essere informato su tutte le novità di Marlin Editore

NEWSLETTER

Filo spinato


Collane > Filo spinato
Vai alle collane

Titolo Diario di guerra e di prigionia

ISBN 978-88-6043-117-4

Autore Pierino Mucci

Collana Filo spinato

Dettagli 124 pp, 12,2 x 20

Diario di guerra e di prigionia 1941-1945

Introduzione di Marco Palmieri

€ 12,00

In pagine scabre e coinvolgenti
il libro ci porta a rivivere dall’interno,
quasi giorno per giorno, come in presa diretta,
i pericoli e gli stenti a cui furono esposti
i soldati italiani sul fronte di guerra
e poi la dura vita da prigionieri
nei campi d’internamento tedeschi
quando rifiutarono di arruolarsi
tra le file dell’esercito di Salò

Descrizione

Quando l’Italia fascista decise di entrare nella seconda guerra mondiale al fianco della Germania nazista, Pierino Mucci fu inviato in qualità di autiere scelto sul fronte greco-albanese, dove insieme a tanti commilitoni pagò sulla propria pelle il prezzo dell’azzardo militare voluto da Mussolini. Terminata quella drammatica esperienza, risolta solo dall’intervento tedesco, al momento dell’armistizio (8 settembre 1943) Mucci fu uno dei circa 650.000 internati militari italiani nei lager tedeschi che decisero di dire “no” e rifiutarono di continuare a combattere sotto le insegne nazifasciste. Di queste esperienze – la guerra e l’internamento in Germania – ha lasciato due diari (6 novembre 1940-17 maggio 1941 e 8 settembre 1943-21 giugno 1945). Una doppia testimonianza coeva, preziosa per ricostruire e rileggere in presa diretta cosa fu e cosa rappresentò la guerra per gli italiani che ne furono protagonisti e vittime. Annotazione dopo annotazione, i due diari restituiscono la drammaticità delle sofferenze patite dai militari italiani attraverso un racconto intenso e coinvolgente che si conclude il 17 giugno 1945, quando a guerra finita inizia per i reduci il lento e faticoso ritorno in patria.

Pierino Mucci

Pierino Mucci, nato a Colmurano (Macerata) il 29 giugno 1917 e vissuto ad Urbisaglia, sempre in provincia di Macerata, è deceduto il 27 gennaio 2003, il giorno della memoria. Di professione fu prima agricoltore, poi operaio e infine usciere per molti anni presso il Tribunale di Macerata. Era soprannominato “l’Avvocato” per la sua loquacità e simpatia. In possesso della sola licenza elementare, durante la guerra e la prigionia scrisse due diari drammatici, che ancora oggi ravvivano il ricordo dei difficili frangenti che resero tragica la sua giovinezza e segnarono il resto della sua vita.

Immagine: Pierino Mucci

Un assaggio

La mia gioventù si sta spegnendo qua in questa terra, in modo orribile e disastroso…
Tutto è ignoto per noi poveri esseri gettati come foglie al vento, nel turbine di una bufera senza precedenti che minaccia di distruggere uomini e cose.
Solo Iddio può salvarci da questo immane flagello.

Commenta libro

I tuoi dati
Scrivi un messaggio per il destinatario
* Indica il codice di verifica
Autorizzazione alla privacy
* I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori
Letta l'informativa sulla Privacy ai sensi dell’articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs 196/03),

al trattamento dei dati personali.

Il marlin, da cui la casa editrice prende il nome, รจ il pescespada che Hemingway amava pescare
al largo di Cuba e che gli ha ispirato lo splendido romanzo “Il vecchio e il mare”

Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito.
Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies.

OK Vedi l'informativa