Iscriviti per ricevere la newsletter ed essere informato su tutte le novità di Marlin Editore

NEWSLETTER

Il portico


Collane > Il portico
Vai alle collane

Titolo Diario di un bastardo su Tinder

Autore Ciro Zecca

Collana Il portico

Dettagli 168 pp, 12,2 x 20

ISBN 978-88-6043-128-8

Diario di un bastardo su Tinder

€ 13,90

Basta l'applicazione Tinder sul cellulare per mettersi in contatto con persone di ambo i sessi che vivono nella stessa città e sono disposte a finire a letto con qualche sconosciuto. Ne scaturiscono esperienze erotiche di ogni tipo, che l'autore racconta in maniera disinvolta e spregiudicata, quasi alla "giovane Holden".

Descrizione

Diario di un bastardo su Tinder è un testo autobiografico. È la confessione di un trentenne sulla sua vita sessuale, narrata senza remore e con un linguaggio esplicito e coinvolgente. Tutto ha origine su Tinder, un'applicazione per cellulari che mette in contatto uomini e donne che vivono nella stessa città e hanno voglia di divertirsi sotto le lenzuola. Un viaggio nel mondo degli incontri in chat, nelle notti passate tra le braccia di persone sconosciute. Birre, chiacchierate, confessioni, scopate, caffè e poi di nuovo birre, chiacchierate... Perché la Tinder Generation è compulsiva e cerca sempre nuovi corpi, nuove facce, nuovi incontri. Entri nella vita di una persona, ne succhi il midollo e vai in cerca di un'altra preda. Ma tra una notte e l'altra forse c'è il tempo per riflettere, per mettere il cellulare su offline e rendersi conto che qualcosa non funziona: come un tossico che ha qualche sprazzo di lucidità. "È davvero questo che voglio? Forse sono diventato un cazzo di robot, che però si diverte moltissimo", osserva il protagonista.
Tutto ciò che è narrato nel libro è realmente accaduto.

Ciro Zecca

Ciro Zecca è nato a Sondrio nel 1987 ma vive da una decina d'anni a Roma. Come sceneggiatore ha firmato un film per Medusa, "Quel bravo ragazzo" (una commedia sulla mafia), uscito nelle sale cinematografiche e ora in onda su Sky, e "Ci vuole un fisico", prodotto da Rai Cinema. Attualmente sta collaborando con una società televisiva interessata a un suo progetto per un programma tv. Nel 2018 ha vinto il prestigioso Premio Medusa, dedicato ai migliori soggetti per opere di lungometraggio: il titolo del suo ambizioso progetto è "The Boat", un thriller ad alta tensione, con l’insolita e poco sfruttata location del mare aperto, che ha convinto a tutti gli effetti una giuria disparata, che spazia dal regista David di Donatello Paolo Genovese alla story editor Lucia Cereda.

Immagine: Ciro Zecca

Un assaggio

“Ci mangiamo, per scomparire insieme, per inglobare le nostre inquietudini, lottiamo l’uno dentro l’altra confondendo le nostre paure, approfittiamo di questo viaggio gratis nel corpo di un altro guerriero disarmato.
Peccato che domani vai via. Anzi, cosa dico, è già domani. E tu stai andando via.”

Commenta libro

I tuoi dati
Scrivi un messaggio per il destinatario
* Indica il codice di verifica
Autorizzazione alla privacy
* I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori
Letta l'informativa sulla Privacy ai sensi dell’articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs 196/03),

al trattamento dei dati personali.

Il marlin, da cui la casa editrice prende il nome, รจ il pescespada che Hemingway amava pescare
al largo di Cuba e che gli ha ispirato lo splendido romanzo “Il vecchio e il mare”

Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito.
Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies.

OK Vedi l'informativa