Iscriviti per ricevere la newsletter ed essere informato su tutte le novità di Marlin Editore

NEWSLETTER

Il portico


Collane > Il portico
Vai alle collane

Titolo Io, Trotula

Autore Dorotea Memoli Apicella

Collana Il portico

Dettagli 412 pp, Ft. 12,2 x 20

ISBN 978-88-6043-083-0

Io, Trotula Storia di una leggendaria scienziata medievale

€ 19,50

La storia di una leggendaria scienziata medievale, esperta conoscitrice di erbe e di medicamenti. Famosa nel mondo per le sue opere di ginecologia e di cosmetica, Trotula seppe dare alle donne la salute del corpo e il piacere della sua bellezza.

FINALISTA AL PREMIO FIUGGI STORIA 2014

QUARTA EDIZIONE

Descrizione

Combinando sapientemente verità e finzione, indizi documentali e immaginazione, l'Autrice narra la vicenda di Trotula de Ruggiero, punta di diamante della Scuola medica salernitana (sec. XI). L'incontro con Edoardo il Confessore, futuro re d'Inghilterra, è la chiave di volta del racconto: un amore grande, folgorante, che infiamma il cuore di lei adolescente e s'imprime per sempre nella sua anima. Ma è un amore impossibile, a causa della ragion di stato, suggellato già sul nascere dall'addio. Proprio in forza di questo sentimento, Trotula avrà il coraggio di proseguire tenacemente nel cammino della ricerca scientifica affrontando con coraggio e determinazione le prove del suo futuro di donna tra cui il matrimonio con Giovanni Plateario, suo maestro, molto più vecchio di lei, voluto da suo zio il principe Guaimario IV. Un'esperienza amara la sua, come quella di tante donne del suo tempo, ma non senza un intimo sentimento di rivolta, che la spinge ad approfondire gli studi per riscattare se stessa e tutte le altre donne, donando loro la salute del corpo e il piacere della sua bellezza.

Il volume è arricchito da un'appendice contenente 37 ricette mediche adeguatamente esposte e da un originale apparato iconografico a colori.

Dorotea Memoli Apicella

Dorotea Memoli Apicella, nata a Salerno, dove ha insegnato Lettere classiche nel Liceo Torquato Tasso, oltre ai saggi di storia locale, tra cui uno su Gregorio VII, ha pubblicato: Culti di origine greca a Salerno (2001); Adelperga, da Pavia alla corte di Arechi (2004); Sichelgaita tra Longobardi e Normanni (II ed., 2009). Ha scritto vari articoli, inclusi negli Annali del Liceo Tasso e in "Rassegna Storica Salernitana", tra cui Divagazioni onomastiche su Trotula de Ruggiero. Nel 1998 ha vinto il Premio storico-letterario Leopoldo Cassese per la ricerca inedita su Itinerari salernitani di folclore religioso. Per Martin ha pubblicato i romanzi storici lo, Trotula (2013 - terza edizione), finalista al Premio Fiuggi Storia 2014, e L'albero dei Filipponi (2015).

Immagine: Dorotea Memoli Apicella

Lo sapevi che...

Trotula de Ruggiero, nata a Salerno e vissuta in un momento storico di grandi mutamenti socio-politici, tra la fine del regno longobardo e l’inizio del ducato normanno, principale esponente al femminile della Scuola medica salernitana con le sue famose opere di ginecologia e di cosmetica che hanno attraversato con successo tutti i tempi fin dal sec. XII, sebbene la sua persona abbia avuto alterne vicende: dalla realtà alla leggenda, dall’identità di donna a quella di uomo, dalla qualifica di maga a quella di Dame Trot, personaggio del folklore inglese. La magistra salernitana si rivolge alle donne con la voce di chi ha studiato profondamente non solo il loro corpo, ma anche la loro anima; di chi non ha alleviato solo le loro infermità fisiche, specialmente quelle inerenti al sesso, ma anche quelle riguardanti il loro aspetto esteriore, nella convinzione che esse siano concomitanti tra loro. Senza falsi pudori, Trotula libera tutte le donne dalle angustie dei difetti fisici, come la peluria abbondante, le malattie della pelle, il fetore della bocca e tanti altri inestetismi. Crea i rimedi per vedove e religiose tormentate dall’appetito carnale, restituendo loro il giusto equilibrio, e spiega scientificamente le credenze e i pregiudizi del volgo, distruggendo le paure e le menzogne ataviche.

Commenta libro

I tuoi dati
Scrivi un messaggio per il destinatario
* Indica il codice di verifica
Autorizzazione alla privacy
* I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori
Letta l'informativa sulla Privacy ai sensi dell’articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs 196/03),

al trattamento dei dati personali.

Il marlin, da cui la casa editrice prende il nome, รจ il pescespada che Hemingway amava pescare
al largo di Cuba e che gli ha ispirato lo splendido romanzo “Il vecchio e il mare”

Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito.
Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies.

OK Vedi l'informativa