Iscriviti per ricevere la newsletter ed essere informato su tutte le novità di Marlin Editore

NEWSLETTER

INTERVISTA A ENRICO BRUSCHI IN OCCASIONE DELL'EVENTO MILANESE

Dove: Ristorante Pupurry, Milano
Quando: Martedì 20 marzo 2018
Orario: 18.30
Libro: La sottomissione
Ospiti: Maria Concetta Mattei, Manfredi Pedone
Vai alla scheda del libro

In occasione della presentazione del libro di ENRICO BRUSCHI "LA SOTTOMISSIONE" (Marlin editore), che si terrà Martedì 20 marzo, alle 18:30, presso il ristorante Pupurry, Via Gian Battista Bertini 25, Milano, proponiamo di seguito l'intervista fatta all'autore del romanzo noir. 

Insieme all'autore del libro, durante la presentazione, interverrà Maria Concetta Mattei, giornalista TG2 Rai, reading a cura di Manfredi Pedone.

INTERVISTA A ENRICO BRUSCHI 

Come ti è venuto in mente di trattare il tema della sottomissione psicologica?

Volevo dar forma a un anti eroe. In un mondo malato di decisionismo mi interessava creare un personaggio controcorrente che si sottrae volontariamente alla competizione. S. è un “borderliner” che può farci riflettere sull’assurdità di un presente che diamo spesso per l'unico possibile.

Hai conosciuto realmente persone del tutto incapaci di prendere decisioni e che si sentono al sicuro solo se guidate totalmente da un altro individuo?

C'è un po' di S. in ciascuno di noi. Che sia una spiccata indolenza, la tendenza a procrastinare le decisioni o il desiderio di essere presi per mano e guidati si tratta di strategie che mettiamo in campo per sottrarci alla responsabilità più grande. Quella di riconoscerci per quello che siamo. E assumercene la responsabilità.

La storia è ambientata a Roma: tu che sei marchigiano e vivi da venti anni a Milano, conosci bene la capitale oppure ti è sembrata più adatta alla vicenda narrata?

Il libro narra una vicenda che richiama temi cari alla tragedia greca e latina. L’Uomo, la sua libertà, il rapporto tra i valori e le decisioni in cui li agiamo. Esiste spazio per il libero arbitrio o siamo in balia del Caso, del Destino (o del capriccio degli Dei)? Roma mi offriva la quinta ideale per mettere in scena un dramma classico che si veste da romanzo contemporaneo, indossando gli abiti del genere giallo.

“La sottomissione” è altro noir sui banchi delle librerie. Perché i lettori dovrebbero scegliere questo romanzo?

Perché pur essendo un giallo, non insegue la moda delle storie di ordinaria violenza, non fa il verso alla cronaca nera, ne’ tanto meno pretende di essere di attualità. Sono partito da un’idea forte e anticonvenzionale, l’ho trasformata in una storia che intrattiene, incuriosisce e può anche far riflettere.

A quali maestri del giallo ti sei ispirato e quale libro hai ora sul comodino?

Fruttero & Lucentini - soprattutto ne “La donna della Domenica” – e Margherita Oggero. Due libri rimangono sempre sul mio comodino: “Lezioni Americane” di Italo Calvino, per ricordarmi che la scrittura è questione di sottrazione. E “Le Onde” di Virginia Wolf, per ricordarmi che la letteratura può essere sperimentazione e invitarmi a non farmi ingabbiare dalla convenzioni.

 

Il marlin, da cui la casa editrice prende il nome, รจ il pescespada che Hemingway amava pescare
al largo di Cuba e che gli ha ispirato lo splendido romanzo “Il vecchio e il mare”

Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito.
Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies.

OK Vedi l'informativa